Gruppo Consiliare Federazione della Sinistra

Interpellanza su via Cassanello

Gennaio 28th, 2009 Posted in Interpellanze

ALLA SINDACO DI GENOVA

INTERPELLANZA
Su via Cassanello

I Sottoscritti Consiglieri,

premesso che la Metis Costruzioni S.r.l. ha presentato, presso lo Sportello Unico delle Imprese, un progetto che prevede la realizzazione di un nuovo insediamento produttivo in Via P. Cassanello a Genova Multedo.

Considerato che:

- il “nuovo insediamento”, 3 piani più uno interrato, cancellerebbe l’ultimo verde rimasto nella zona, sottraendo alla collettività le benefiche ricadute in tema di mitigazione dell’inquinamento atmosferico ed acustico;
- l’imponente edificio andrebbe a posizionarsi nella striscia di terreno interessata dal passaggio degli oleodotti Snam, ora in disuso poiché sostituiti dal cosiddetto “microtunnel” e, di fatto, sostituendo “SERVITU’” a “SERVITU’”.
- la nuova viabilità d’accesso al parcheggio e alle attività lavorative andrebbe ad impattare pesantemente sul caseggiato più vicino. A seguito del notevole pendio dell’area, l’imponente viabilità, completa di rotatoria, avrebbe evidenti ricadute negative per le abitazioni in termini di vivibilità e di rispetto della privacy;
- il “nuovo insediamento” andrebbe ad interessare alcuni resti dell’antico parco di Villa Lomellini Rostan. Da ricerche storiche, si presume che la zona interessata fosse sede del giardino lomelliano all’inglese del Tagliafichi e che il manufatto ora esistente costituisca ciò che resta di una delle fontanelle che ne punteggiavano il sentiero.
- l’edificio, in grado di attrarre almeno 11 realtà produttive, aumenterebbe a dismisura il traffico di mezzi afferenti alle nuove attività in una via sicuramente non idonea a sostenere traffico pesante.

Tenuto conto della necessita’ di una variante di salvaguardia per l’area interessata dal progetto, al fine di poter affrontare la “questione Multedo” in modo complessivo, respingendo progetti che non siano volti ad una effettiva riqualificazione del quartiere.

Sottolineato come nella delibera sugli Indirizzi di Pianificazione, recentemente presentati dalla Giunta, su ambiti territoriali caratterizzati da disomogeneità e promiscuità tra tessuto urbano, preesistenze storiche e situazioni particolari di degrado derivanti da servitù infrastrutturali ed impiantistiche, ossia (.. ) su ambiti complessi è necessario, ai fini di garantire previsioni organiche, stabilire strategie e procedere con una pianificazione coordinata garantendo sviluppi progettuali con gli obiettivi e indirizzi(..).

Interpellano la S.V. Per conoscere le iniziative che Ella intenda intraprendere sull’argomento in questione.

Antonio Bruno, Luca Dallorto, Bruno Delpino, Arcadio Nacini

You must be logged in to post a comment.