Gruppo Consiliare Federazione della Sinistra

Volantinaggio della Federazione della Sinistra alle stazioni F.S.

Febbraio 25th, 2010 Posted in Appuntamenti

Comunicato stampa

Volantinaggio della Federazione della Sinistra alle stazioni F.S. per denunciare ancora una volta lo scandalo delle Ferrovie Italiane.

Federazione della Sinistra del Piemonte e della Liguria, nei giorni che vanno dal 25 al 28 febbraio saranno davanti a molte stazioni ferroviarie per ricordare con i propri volantini le cause dei molti disagi che stanno colpendo i viaggiatori, a partire da pendolari e studenti.
Le principali cause: “In Italia, le Ferrovie impiegano il 95% delle proprie risorse (44 miliardi di euro + gli interessi annui + i miliardi per i nodi ferroviari ora inesistenti) per l’ Alta Velocità, un servizio rivolto al solo 5 % dei passeggeri, mentre circa il 90% degli utenti dei servizi ferroviari viaggiano su tratte brevi o brevissime, costretti su treni sporchi, privi di manutenzione, quasi sempre in ritardo o soppressi.”.
Mentre si indebita il Paese per costruire la TAV si pretende di privatizzare il servizio locale su cui viaggia quotidianamente il 90% degli utenti.
La concentrazione verso Milano esclude i territori di Alessandria e Asti e, in parte, anche Genova, dove si vuole procedere a tutti i costi con la realizzazione del Terzo Valico, invece di utilizzare al meglio le alternative a disposizione per il trasporto merci, migliorare la qualità e l’efficienza del materiale rotabile e risolvere le problematiche di congestione e di razionalizzazione dei grandi nodi ferroviari che permetta di evitare i centri urbani.
Invece di dare priorità ai progetti faraonici chiamati Alta Capacità occorre ottimizzare l’impiego delle tratte già esistenti. Verso i porti di Genova e Savona, già oggi le 5 linee di valico esistenti (le 2 linee dei Giovi, la Pontremolese, la Savona-Ceva e la Voltri-Ovada) hanno una capacità di trasporto di 2.400.000 container che, con l’ammodernamento ed i minimi interventi già studiati per la Voltri-Ovada, potrebbero agevolmente diventare 4.000.000, più che sufficienti anche per il futuro.

ORA BASTA! Bisogna invertire le priorità di spesa: anziché sulle TAV Lione-Torino e sul Terzo Valico si deve investire prima di tutto nei trasporti pendolari e sulle linee esistenti per le merci, nonché sui nodi delle grandi città (Genova, Torino, Milano), impedendo che i soldi pubblici, impiegati per grandi ed inutili infrastrutture, vadano a tutto vantaggio delle lobby finanziarie e – come già molte volte accertato dalla magistratura – delle organizzazioni criminali.
La Federazione della Sinistra rivendica la necessità di invertire le priorità di spesa: “anzichè sulle TAV Lione-Torino e Terzo Valico (oltre 20 miliardi di euro), si deve investire prima di tutto nei trasporti pendolari e sulle linee esistenti per le merci, nonché sui nodi delle grandi città (Genova, Torino, Milano),…”
Per questo ritiene che: “La lotta degli abitanti della Val di Susa contro la TAV coincida con quella di pendolari, lavoratori e studenti di tutta Italia.”.

Genova, 24 febbraio 2010

You must be logged in to post a comment.